Info su Cookies

domenica 22 novembre 2015

Il "Fancast" del Verse #1

Questo Ottobre, bazzicando su Tumblr, ho avuto modo di spiare la gente che si preparava al NaNoWriMo, che e' un'iniziativa che sfida autori dilettanti e professionisti a scrivere una bozza di romanzo di almeno 50.000 parole nel mese di Novembre.

Prima di una maratona, la gente si da' consigli sul riscaldamento, la nutrizione e l'equipaggiamento. Prima del NaNoWriMo, gli scrittori si danno consigli su come scrivere piu' efficientemente (niente editing!), come pianificare la trama e mantenere la tensione e come creare personaggi indimenticabili.

Uno degli "esercizi di riscaldamento" piu' popolari, o forse piu' appariscenti, era il cosiddetto "fancast", in cui si provano a trovare dei volti ai propri personaggi, prendendoli da diversi media.


Anche se non sto partecipando al NaNoWriMo (per me' ogni mese e' NaNoWriMo), mi sono detta: "E perche' no?"
Quindi adesso beccatevi i miei headcanon a proposito di alcuni personaggi di Tolleranza.


Raymond "le Maur"


Hrithik Roshani
Firass Dirani
Raimon e' uno dei primi personaggi che ho inventato per il Verse, conseguentemente ha attaversato numerose iterazioni prima di arrivare alla forma attuale.
Figlio di un nobiluomo occitano e di una donna siriana (a cui assomiglia piu' che al padre, tant'e' che spesso a Vienna, dove si svolge Tolleranza, lo prendono per turco), in vita era un valoroso cavaliere templare, nonche' uno stimato troubador, che dedicava le sue poesie alla Madonna finche' non incontro' la sua dama, una fanciulla Catara.
Raimon e' un vampiro ed e' il comandante della Compagnia della Morte, una banda di vampiri che ha come missione quella di contrastare l'Inquisizione e la Milizia di San Michele Arcangelo. Lui ce l'ha personalmente a morte con quei dannati preti, visto che hanno bruciato sul rogo la sua dama durante la Crociata contro i Catari e la cosa lo ha letteralmente fatto andare fuori di testa.

Per rappresentarlo ho scelto un famoso attore di Bolliwood, Hrithik Roshan e un attore libanese-australiano, Firass Dirani. Si' Raimon e' uno gnocco.



Miriam Pinski

Ayelet Zurer

Miriam Pinski e' la figlia di Rabbi Aaron Pinski di Vienna e durante lo svolgimento di Tolleranza, lei e la sua famiglia vengono coinvolti nella "strategia della tensione" messa in atto dagli agenti papali per costringere l'Imperatore Giuseppe II a ritirare gli Editti di Tolleranza che consentivano il pieno godimento dei diritti civili a diverse minoranze.
Inizialmente semplice love interest, mentre scrivevo Miriam e' diventata una protagonista a tutti gli effetti, e nonostante sia una fanciulla piuttosto inesperta, ha la sua parte di spaccamento deretani.

Per rappresentarla ho scelto l'attrice israeliana Ayelet Zurer, recentemente vista nel reboot di Superman e nella serie Daredevil, trasmessa su Netfilx. In questa foto ha circa vent' anni, mentre Miriam in Tolleranza ne ha tra i 16 e i 17.

Nathan il Khazaro
 
Baljinnyamyn Amarsaikhan (apparentemente il nome e' Amarsaikhan, mentre il resto e' il patronimico)
 

Nathan e' un'altro dei vampiri della Compagnia della Morte, uno dei compagni di avventura di Raimon.
I Khazari erano una tribu' turchica (una famiglia etno-linguistica che comprende, tra gli altri Kazachi, Uzbechi e Turchi) che costitui' un Khanato (piu' o meno un regno) che si estendeva nelle steppe tra il Don e il Volga e fino alla Crimea e al Caucaso e che duro' circa dal 650 al 965 DC. Seduto a cavallo della Via Della Seta, il Khanato di Khazaria aveva anche un'altra particolarita': nonostante la sua popolazione praticasse un misto di diverse religioni, i suoi khan e la nobilta' erano di religione ebraica e apparentemente avevano a cuore le sorti dell'ebraismo nel mondo. Il Khanato e' andato distrutto negli anni 60' del 900 DC ad opera dei Rus, dei Vichinghi pazzi che si erano stabiliti nell'odierna Russia e Ucraina.
Nathan era un nobiluomo khazaro, di religione ebraica. Anche se il suo regno e' andato distrutto, lui pero' e' rimasto, e si incavola ancora parecchio quando la gente se la prende con gli ebrei.

Per rappresentarlo, ho scelto l'attore mongolo Baljinnyamyn Amarsaikhan, che e' apparso recentemente nella serie tv americana Marco Polo, trasmessa su Netflix.

Giuseppe II d'Asburgo Lorena

Qui interpretato da Jeffrey Jones, mentre sullo sfondo il conte Orsini-Rosenberg e' interpretato da Charles Kay nel film Amadeus di Milos Forman
"Ancora!?" direte voi.
Ancora, certo, visto che l'Imperatore e' uno dei personaggi principali di Tolleranza, senza il quale nulla di tutto questo sarebbe stato possibile.
E stavolta non ho nemmeno dovuto sforzarmi di trovare un casting, visto che l'ha fatto Milos Forman per me...

Per stavolta dovrebbe bastare, ma state sintonizzati per "quei tre pazzi italiani" e altri perosnaggi bislacchi di Tolleranza.

Nessun commento:

Posta un commento