Info su Cookies

mercoledì 27 gennaio 2016

WWW Wednesday #4 - Retellings Edition

Per strana combinazione del caso, queste vacanze, anche prima di scoprire la Retellings Challenge promossa dal blog The Daily Prophecy,
The Daily Prophecy
sono finita a leggere solo retellings.

C'è un gusto speciale a rileggere una storia amata sotto un'altra veste, e se mi seguite, stavolta lo condividerò con voi.

Libri Appena Finiti
1) The Dark Wife - Sarah Diemer
Ho scoperto questo libro grazie ai circoli pagani e femministi di Tumblr, che ringrazio vivamente.
Si tratta di una riscrittura in chiave lesbica e femminista del mito di Ade e Persefone, dove Ade è una donna, ma non smette di essere un cinnamon roll e Zeus è uno stronzone infinito.
A me è sembrato molto romantico, anche se a tratti la narrazione è un po' frettolosa.

2) Burning Girls - Veronica Schanoes
Anche per questo libro devo ringraziare il suggerimento del Tumblr We Need Diverse Books, un blog dedicato alla diversità nel mondo della scrittura anglofona, che troppo spesso si concentra sugli stessi tipi di personaggi (AKA giovani uomini e donne bianchi, anglofoni, autoctoni Americani o Britannici, etero, cissexual e senza disabilita') e sui vissuti di questa unica fetta della popolazione mondiale.
We Need Diverse Books promuove libri scritti da persone appartenenti a minoranze etniche o gruppi marginalizzati e spesso scova delle perle fantastiche, tipo questa.
Burning Girls è una riedizione/reinvenzione della favola di Rumpelstitskin che a sua volta pare essere una delle versioni possibili di una storia che è in giro dall' Età del Bronzo (da cui vengono le cose migliori, in realtà), ma trasportata nel mondo degli shtetl ebraici dell'Ucraina del primo novecento e delle fabbriche di abiti americane, tra donne sagge che praticano la magia, sarte sfruttate, immigrazione, pogrom e demoni che rapiscono bambini.
Una storia a tratti dura, ma sapientemente raccontata. Consigliata







3&4) L'Età del Bronzo: Mille Navi & L'Età del Bronzo: Sacrificio - Eric Shanower
Questo fumetto è stato il mio desiderio impossibile per circa tre anni, più o meno da quando mi è presa la scimmia degli Ittiti.
Impossibile perché l'edizione inglese dei primi due volumi è quasi totalmente introvabile e a malapena si riesce a trovare il terzo e il quarto volume...
Poco male, perché ora Magic Press ha acquisito i diritti per l'Italia e sta ristampando tutti i volumi pubblicatin nei paesi anglofoni in serrata successione.
Grazie, Magic Press! Avete fatto felice questa nerd!


Ecco, allora, per chi si chiedesse di cosa diavolo sto parlando, L'Età del Bronzo è un fumetto che ripercorre la storia della Guerra di Troia, non limitandosi solo all'Iliade, ma attingendo contemporaneamente a tutte le fonti mitiche/leggendarie/poetiche sull'argomento e fondendole insieme in una saga epica e profondamente umana.

L'autore ha fatto anche una ricerca iconografica pazzesca e ha deciso di utilizzare solo materiale iconografico della Tarda Età del Bronzo (periodo in cui si dovrebbe essere davvero combattuta una guerra a Wilusa/Troia) per rappresentare i personaggi.
Quindi gli Achei non sono rappresentati come opliti della Grecia Classica, ma come guerrieri Micenei, o a volte Minoici (tipo Idomeneo di Creta), la famosa armatura di Achille sembra un set di pentole e ha un doppione al Museo di Heraklion e i Troiani...
Beh, i Troiani non sembrano Greci, perchè non lo erano. Erano un popolo che parlava con ogni probabilità Luvio, una lingua simile all'Ittita, e nella Tarda Età del Bronzo Wilusa/Ilio aveva stretto un patto di vassallaggio con l'Iperatore Ittita Muwatalli.
Il firmatario? Il re di Wilusa Alaxandu, che per i classicisti suonerà probabilmente molto simile ad Alessandro, l'altro nome di Paride.
Eh, già. Pare che nella vita vera Paride se la sia sfangata, ma non divaghiamo.

Per motivi di coerenza storica, in mancanza di fonti locali troiane, ancora non reperite, l'autore usa per i Troiani fonti iconografiche Ittite, quindi Ettore e compagnia bella si trovano dei nasoni un po' adunchi, lunghe trecce e orecchini vistosi, che li fanno sembrare un po' Nativi Americani, senza offesa per nessuno.
Quello più ricciolino e' Paride, che malmena allegramente i suoi fratelli Deifobo, Troilo, Eleno e Polite, prima di essere riconosciuto come figlio di Priamo
 A me piacciono, anzi, finalmente riesco a trovare Ettore e persino Enea positivamente gnocchi, ma la mia sorellina classicista non è stata molto favorevolmente impressionata.
De gustibus...
Comunque se vi piace l'Iliade, questo fumetto è da non perdere.

5) Never the Bride - Paul Margs 
Questo libro mi è capitato per caso tra le mani in biblioteca, un'altra scoperta fortuita e oserei dire piuttosto fortunata.
Le protagoniste di questa storia un po' quotidiana, un po' arcana e spesso paradossale sono due anziane signore che abitano nella cittadina costiera di Whitby, in Inghilterra, dove era ambientata anche una parte di Dracula di Bram Stoker.
Effie ha un negozio di antiquariato e una collezione di libri arcani, ereditati da una lunga linea di zie un po' bislacche, mentre Brenda...
Beh, Brenda è la Sposa di Frankenstein, AKA la Seconda Creatura, quella che Viktor Frankenstein crea e poi distrugge e la cui distruzione scatena la vendetta della Prima Creatura. Solo che Brenda non è stata distrutta, e dopo una lunga vita avventurosa si è stabilita a Whitby, dove ha aperto un B&B e dove vuole vivere in tranquillità, solo che Whitby è piena di gente strana e iniziano a succedere cose strane (sì, questa è davvero la trama).
Un po' Signora in Giallo e un po' Buffy the Vampire Slayer, Never the Bride è un romanzo divertente e piuttosto leggero, anche se anche qui alcune cose sembrano un po' troppo sbrigative e ci sono delle storie lasciate un po' appese, ma questo è il primo libro di una serie, quindi è possibile che vengano riprese in seguito.
Niente male.



 Libri in Lettura
1) The Book of Going Forth by Day - trad. TG Allen
Il cosiddetto "Libro dei Morti" egizio, che in realtà tratta prevalentemente di come andare a farsi un giro fuori dall'Oltretomba e di come evitare corvé, il furto del proprio cuore o di finire in pasto a qualche demone.
Anche i morti vogliono fare una bella vita.



2) La Ragazza che Giocava col Fuoco - Stieg Larsson
Sì, ancora. L'ho lasciato a casa per le vacanze e non l'ho più ripreso.
Ma culpa, mea maxima culpa.

3) Essential Judaism: a Complete Guide to Beliefs, Customs and Rituals - George Robinson
Anche questo semi-abbandonato, anche se lo dovevo leggere per rifinire Tolleranza. A mia discolpa, mi sono letta una tonnellata di articoli sulla situazione socio-economica dell'Impero Austro-Ungarico, sulle strade ungheresi, sull'esercito e su Vlad Dracula. Alcuni di questi articoli erano peggio di un film di Tarantino, tipo gore puro, quindi mi considero scusata.
Prima o poi riprenderò a fare anche questi altri compiti e quando arriverà il momento della revisione farò in modo che non ci siano inesattezze o fraintendimenti perniciosi.

Libri che Vorrei Leggere
Considerando che non ho letto praticamente nessuno deilibri indicati nelle precedenti puntate, dovrei anche lasciar perdere, ma ho appena saputo che Steven Erikson pubblicherà a breve il prossimo capitolo della saga di Kharkanas, e quindi...

1) Fall of Light - Steven Erikson
Non so quanti di voi abbiano letto The Malazan Book of the Fallen, una saga high-fantasy militare in dieci volumi (tutti door-stopper), in cui figuravano Neandertal non-morti, dinosauri tecnologici, orchi filosofi, barbari nerboruti e ax-crazy (Witness!) popolazioni di ogni forma, colore e dimensione e, tanto per gradire, draghi.
Se lo avete fatto, c'è una buona probabilità che tra i vostri personaggi preferiti ci fossero Anomander Rake e Silchas Ruin, i due Tiste (AKA elfi, più o meno) più badass della storia, ed è probabile che abbiate speso almeno una lacrimuccia sulla sorte dei Tiste Andii.
Ecco, la saga di Kharkanas, di cui Fall of Light è il secondo libro, è la storia di come i Tiste Andii siano incappati in tutte le sfighe dell'Universo, e i due fratelli badass la fanno abbastanza da padroni.
Per me è un motivo sufficiente per fiondarmi in libreria.







Nessun commento:

Posta un commento